Per la tradizione comunista la scelta di vita riassume un assioma che è proprio di tutti gli attivisti: e cioè la militanza totalizzante che dimostra quanto l’appartenenza politica determini e domini la vita in tutte le sue pieghe, pubbliche e private. Tale scelta si solidifica nel periodo fra le due guerre, quando è la lotta antifascista a connotare un’azione collettiva che serve a marcare un’ identità politica costruita sui valori riconducibili a una più larga concezione della vita. Ma è inevitabile che questa visione totalizzante si protragga più avanti, anche se inevitabilmente deve coniugarsi con un mondo, non solo politico, che cambia e richiede nuove chiavi di lettura.

Una “scelta di vita”: la militanza totalizzante

Tonelli Anna
2022

Abstract

Per la tradizione comunista la scelta di vita riassume un assioma che è proprio di tutti gli attivisti: e cioè la militanza totalizzante che dimostra quanto l’appartenenza politica determini e domini la vita in tutte le sue pieghe, pubbliche e private. Tale scelta si solidifica nel periodo fra le due guerre, quando è la lotta antifascista a connotare un’azione collettiva che serve a marcare un’ identità politica costruita sui valori riconducibili a una più larga concezione della vita. Ma è inevitabile che questa visione totalizzante si protragga più avanti, anche se inevitabilmente deve coniugarsi con un mondo, non solo politico, che cambia e richiede nuove chiavi di lettura.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2705790
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact