Il bipolarismo timido dei cattolici