Lo scopo del lavoro è duplice: 1) misurare il livello di soddisfazione dell’esperienza museale prima e dopo la visita, prendendo in esame le seguenti dimensioni esperienziali: estetica, di apprendimento, di intrattenimento, di evasione e di socializzazione; 2) individuare i suggerimenti dei visitatori per migliorare l’esperienza di visita, nell’ottica della co-creazione del valore in primis per i visitatori. Lo studio descrittivo-esplorativo adotta una metodologia quali-quantitativa ed utilizza la tecnica dell’intervista diretta. I dati raccolti su un campione di 215 visitatori della Galleria Nazionale delle Marche (Urbino) sono stati analizzati mediante statistiche descrittive e l’analisi qualitativa della domanda aperta (codificazione). Tra i principali risultati emerge che le esperienze principalmente attese sono estetica, di apprendimento e di socializzazione, e che i gap tra le esperienze desiderate ed attese sono positivi, specie per le dimensioni estetica, apprendimento e intrattenimento. I suggerimenti forniti dai visitatori riguardano prevalentemente la dimensione dell’apprendimento. Il campione di convenienza impiegato riduce la possibilità generalizzazione dei risultati ma lo studio permette di trarre implicazioni manageriali preliminari e riflessioni utili per le ricerche future.

La co-creazione delle esperienze museali. Un’indagine esplorativa sui visitatori della Galleria Nazionale delle Marche

Emanuela Conti
2017-01-01

Abstract

Lo scopo del lavoro è duplice: 1) misurare il livello di soddisfazione dell’esperienza museale prima e dopo la visita, prendendo in esame le seguenti dimensioni esperienziali: estetica, di apprendimento, di intrattenimento, di evasione e di socializzazione; 2) individuare i suggerimenti dei visitatori per migliorare l’esperienza di visita, nell’ottica della co-creazione del valore in primis per i visitatori. Lo studio descrittivo-esplorativo adotta una metodologia quali-quantitativa ed utilizza la tecnica dell’intervista diretta. I dati raccolti su un campione di 215 visitatori della Galleria Nazionale delle Marche (Urbino) sono stati analizzati mediante statistiche descrittive e l’analisi qualitativa della domanda aperta (codificazione). Tra i principali risultati emerge che le esperienze principalmente attese sono estetica, di apprendimento e di socializzazione, e che i gap tra le esperienze desiderate ed attese sono positivi, specie per le dimensioni estetica, apprendimento e intrattenimento. I suggerimenti forniti dai visitatori riguardano prevalentemente la dimensione dell’apprendimento. Il campione di convenienza impiegato riduce la possibilità generalizzazione dei risultati ma lo studio permette di trarre implicazioni manageriali preliminari e riflessioni utili per le ricerche future.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2655235
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact